1 prodotto 18 usi diversi: Dr. Bronner’s Magic Soap All in One

Che cos’è il Dr. Bronner’s Magic Soap?
Il Dr. Bronner’s Magic Soap è come dice il nome, un sapone, di marsiglia, liquido, che a detta del produttore si può utilizzare, oltre che come normale detergente per le mani, per molteplici e svariati usi. Il prodotto è disponibile in vari formati e otto profumazioni: mandorla, tea tree, eucalipto, rosa, limone/arancia, menta peperita, lavanda e non profumato.

Chi è il Dr. Bronner?
Emanuel Heilbronner è stato l’inventore di questo prodotto. Nato da genitori ebrei nel 1908 in Germania e terzo in linea generazionale di una famiglia di mastri saponai, negli anni ’30 si trasferisce per sfuggire al nazismo negli Stati Uniti dove nel 1948 crea la Dr. Bronner’s Magic Soap. Venuto a mancare nel 1997 ha affidato la sua azienda ai figli e nipoti. Il suo motto “Moral ABC of All-One-God-Faith!” ha caratterizzato un’azienda basata sull’ecofriendly e il fair trade.

Caratteristiche del prodotto:
Il Dr. Bronner’s Magic Soap è caratterizzato da INCI molto semplice, tipico dei prodotti di una volta, basato sulla miscela di olii organici di alta qualità di cocco, jojoba, oliva e canapa con olii essenziali puri. Gli ingredienti di provenienza estera sono derivati da un commercio equo e solidale che garantisce il rispetto dell’ambiente e delle popolazioni locali. Non vi sono additivi o coloranti aggiunti, il processo di saponificazione neutralizza il sodium hydroxide dando origine a un sapone a base di glicerina e olii naturali.

Inci: Aqua, Potassium Cocoate (verseiftes Kokosöl*+), Potassium Olivate (verseiftes Olivenöl*+), Glycerin (aus Pflanzenölverseifung), Potassium Hempate (verseiftes Hanföl*+), Potassium Jojobate (verseiftes Jojobaöl*), Natural Benzaldehyde (natürliches Benzaldehyd), Citric Acid (Zitronensäure aus Tapioca), Natural Tocopherols (natürliche Tocopherole – Vitamin E)
+ ingredienti certificati da commercio equo e solidale
* da coltivazione biologica controllata


La mia esperienza:
Ho avuto l’occasione di provare il Dr. Bronner’s Magic Soap in tre profumazioni (naturali, ricordiamocelo!): menta piperita, limone/arancia e un campioncino-ino-ino alla rosa.
La profumazione alla menta è sicuramente quella che ho preferito e, da quanto ho letto, quella che generalmente viene prediletta dai consumatori. La profumazione è freschissima, sa di pulito e da quasi l’impressione di sgrassare meglio delle altre profumazioni (ho detto impressione!). Quella al limone/arancia invece sa di caramelle della nonna, quelle a mezzo spicchio incartate una a una che erano tanto comuni una volta e che oggi non più: è un odore un po’ nostalgico, dolce e agrumato. La rosa invece mi ha delusa un po’: la profumazione è un po’ fiacca e quasi sopraffatta da quella del sapone.
Ad ogni modo, nessuna di quelle provate è sgradevole. A meno che non odiate i profumi in generale, poiché, rosa a parte, le profumazioni sono molto forti essendo il prodotto concentrato; in quel caso mi orienterei verso la variante senza odore.
Passiamo ora all’utilizzo del prodotto, analizzando (quasi) tutti e 18 gli usi proposti dalla Dr. Bronner.
1. Sapone per il corpo: basta una piccolissima quantità di prodotto per lavare l’intero corpo (ok che sono alta un metro e una pillona, ma credetemi!) e lascia una sensazione di pulito molto gradevole sulla pelle, anche (anzi, soprattutto) per le mani!
2. Detergente viso: qui iniziano i miei dubbi. Il fatto che sia organico non va di pari passo con l’avere un Ph bilanciato e questa è stata proprio la mia impressione: il prodotto mi pare aggressivo e con una tendenza a seccare la pelle, l’azione sgrassante è eccessiva e non bilanciata per la pelle. Per il corpo ancora passi, ma per il viso, ahi, no.
3. Shampoo: la mia più grande delusione. Io mi vedevo già ad andare in vacanza con un solo prodotto alla facciazza degli altri e invece: come shampoo è disastroso. L’ho provato sia diluito che puro (e probabilmente ho ucciso qualche migliaio di bulbi piliferi) e non c’è stato verso: i capelli risultano appesantiti e secchi, una sensazione stranissima, come sfibrati ma ricoperti da una patina.
4. Bagnoschiuma: su quest’uso non posso pronunciarmi visto che non ho provato. Le dosi consigliate dal produttore sono 2 cucchiai di prodotto da diluire nell’acqua della vasca.
5. Sapone per i bambini. Sorry, non ho bambini, ma come per il viso penso che il prodotto non abbia un ph bilanciato ottimale alla pulizia dei vostri pargoli.
6. Schiuma da rasatura. L’ho provata sulle gambe e non c’è malaccio! Schiuma ne fa e la lametta scorre agilmente procedendo nell’azione di disboscamento.
7. Fumenti: Ok, contiente olii essenziali, ma a quel punto perché non usare direttamente quelli?
8. Sapone per i piatti: Ecco qui arriva il bello. L’essere biologico e di formulazione naturale gioca sicuramente al suo favore. Se volete abbattere i componenti chimici che mettete sulle vostre stoviglie, questo potrebbe essere il prodotto!
9. Per il bucato: Le indicazioni sono di usare 1/3 o ½ tazza di sapone per un carico normale, molte persone raccomandano l’abbinata con una tazza di bicarbonato e la diluizione del prodotto. Io onestamente non ho provato, poiché i campioncini che ho ricevuto sono piccolini e poco sarebbe restato per fare altre prove.
10. Pulizie di casa: ho adorato usare ilDr. Bronner’s Magic Soap per pulire piani della cucina e i sanitari. In particolare la profumazione alla menta piperita pervade l’aria con una piacevole sensazione di freschezza e pulizia. L’azione pulente è potente e il pulito garantito! (Casalinghe disperate unitevi!!).
Si può usare anche per i pavimenti (1/2 tazza di prodotto in circa 10 litri d’acqua), per i vetri (1 cucchiaio in una miscela di acqua e aceto bianco) o come detergente multiuso (mettere in una bottiglia spray 1/4 di tazza in un litro d’acqua )
11. Risciacquo per frutta e verdura stile amuchina. Noi veri uomini la frutta non la sciacquiamo… ehm ehm…
12. Shampoo per cani: Non ho avuto l’occasione di testarlo sul mio canide, ma visto l’effetto sui miei capelli, penso che eviterò.
13. Antiparassitario per piante. Usare la stessa miscela del detergente multiuso e spruzzarlo sulle piante: dovrebbe tenere gli insetti lontani dalle vostre amate.
14. Spray antiformiche: Mettere ¼ di tazza di prodotto al Tea Tree in un litro d’acqua e spruzzare sulle aree colpite (n.b. questa concentrazione danneggia le piante)
15a. Lavanda Vaginale. ATTENZIONE!! Questo uso era indicato sulle vecchie confezioni del prodotto ma con gli anni è stato sconsigliato e quindi rimosso e sostituito con
15b. Puliza dei pennelli da makeup: Not bad, lascia leggermente una patina sulle setole (come sui capelli) ma la puliza è profonda.
16. Come deodorante: Appiccicoso, non efficace.. bleah
17. Dentifricio: Sappiatelo, Eminem lo usa come dentifricio! Ho provato: lavare lava, fa un po’ di schiuma, ma il problema è che sa di sapone. Non è insopportabile, ma rispetto ad un dentifricio risulta amaro e non proprio appetibile (soprattutto al mattino)
18. Come colluttorio: Aridaje. Sempre sapone è e di sapone sa. Non metto in dubbio l’efficacia in questo frangente, ma anche no.


Conclusioni:
Avevo grandi aspettative per questo prodotto:Dr. Bronner’s Magic Soap – TUTTO IN UNO: un sogno e sogno rimarrà. Ahimè, i presupposti erano ottimi, ma la prova su strada sfata un po’ questo mito: le applicazioni possibili, o almeno compatibili con la mia persona, sono di gran lunga inferiori alle aspettative. Da sottolineare però che mi piace molto lo stampo familiare dell’azienda e la filosofia eco-friendly e fair trade: mi piacerebbe conoscere più realtà con questa impronta.
In USA e il prodotto costa 16 oz = 472 ml per 10,99$ = 9 € circa, ma sono vendute anche confezioni supersized che fanno risparmiare parecchio; se questo fosse possibile farei scorta di quello alla menta per lavare cucina e sanitari e probabilmente proverei anche le altre profumazioni. In Italia arriva con un prezzo maggiorato (su Asos trovate i 16 oz a 12,14 €) e forse lo sfizio di provare quello alla lavanda me lo toglierò, ma rimane un prodotto costoso. C’è da dire che la formulazione è molto concentrata e che quindi dura molto di più di quello che ci si aspetterebbe, ma ad ogni modo non è economico. In sunto sapete quando ci si aspettano miracoli e poi si rimane con l’amaro in bocca… ecco.
Vi invito a visitare comunque il sito Dr. Bronner’s Magic Soap poiché la filosofia alla base di questa azienda è senza dubbio degna di attenzione.
Ringrazio moltissimo Pink Corner Make Up, gruppo su Facebook, che mi ha dato l’occasione di provare questo prodotto particolare.

Se avete qualche ulteriore uso da proporre o una vostra esperienza, scrivetemi!

Sempre Vostra,

R.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *